Forum

APRILIA RSV Mille R 2003
Tutti gli ARTICOLI
Un’ italiana che parla giapponese, la RSV-R cambia nella sostanza e, se possibile, migliora ulteriormente le sue indiscusse doti ciclistiche. E' la prima del 2003 a scendere in pista con le pinze radiali. Una pregiata superbike, insuperabile nel rapporto qualità prezzo.

COM'È Aggiornare senza rivoluzionare. È stato questo il tema tecnico svolto dai tecnici Aprilia per il 2003, anche perché il progetto RSV, a quattro anni dal suo battesimo della pista, è ancora lungi dall'essere superato, anzi è più attuale e in forma che mai. Inutile, quindi, andare a cercare qualcosa di più stravolgendo un equilibrio pressoché perfetto. Molto meglio affinare il materiale esistente, lavorare ed intervenire la dove c'è ancora un piccolo margine di miglioramento. Inutile dire che la novità tecnica più evidente è l'arrivo delle pinze radiali, che donano all'avantreno un aspetto molto professionale. Ovviamente la scelta di questo tipo di pinze va ben la di là di motivazioni puramente estetiche.

PINZE RADIALI PERCHÉ? Largamente utilizzati nelle competizioni i freni a pinze radiali prendono questo nome dalla disposizione delle viti di fissaggio della pinza stessa, che sono disposte nel senso del raggio del disco. Il vantaggio nasce dal fatto che la pinza è abbracciata alle due estremità del piedino della forcella. Questo comporta un fissaggio più rigido della pinza che quindi subisce meno deformazioni rispetto ad una pinza tradizionale (che ha un estremo a sbalzo e quindi affida il corretto posizionamento delle pastiglie quasi esclusivamente alla propria rigidità). Il risultato è una frenata ancora più efficace e una miglior gestibilità della frenata stessa, una resa più costante dell'impianto nel tempo, e maggiore durata delle 4 pastiglie che lavorano più allineate. Sembrano slogan pubblicitario ma è tutto vero!

AVANTRENO TUTTO NUOVO L'arrivo delle pinze radiali ha richiesto un adeguamento di tutto l'avantreno che praticamente è inedito in ogni particolare. La pregiata forcella Ohlins rovesciata con steli da 43 mm trattati al TIN, ha un nuovo piedino che incorpora i supporti per la pinza ma anche il nuovo barilotto esterno per la regolazione del freno idraulico in compressione, sfrattato dalla sua posizione originaria proprio dall'arrivo delle pinze. Anche il cerchio ha dovuto essere ridisegnato, ora i dischi sono piazzati un posizione più esterna (+ 2,5 mm per lato) così ne beneficia anche il raffreddamento.
< br>CERCHIO LEGGERO A proposito dei cerchi anche per loro arrivano aggiornamenti. Ancora ricavati per forgiatura (procedimento che consente di ottenere cerchi in alluminio leggeri come quelli in magnesio) sono ancora più leggeri (un kg in totale) grazie alle razze lavorate diversamente (ora hanno sezione piatta, mentre prima erano a sezione romboidale) e al trattamento di anodizzazione (prima erano verniciati). Così, se l'arrivo di pinza, supporto e barilotto della regolazione forcella ha portato ad un aumento delle masse non sospese, i nuovi cerchi provvedono a diminuirle riportando la situazione in parità, con un vantaggio però: adesso la massa in rotazione è diminuita.

DI NUOVO SI VEDE... Altre novità visibili, il codino ridisegnato, più sottile che in precedenza e derivato da quello della Tuono(leggi articolo in archivio), che facilita lo scavalco della gamba al momento di salire in sella, un nuovo parafango anteriore (studiato per convogliare meglio l'aria ai radiatori) e la superficie brunita del silenziatore in acciaio inox. Nessun cambiamento per telaio e forcellone, se non che ora sono verniciati in nero contribuendo assieme al codino a dare una sensazione di maggiore snellezza complessiva della moto , anche se l'alluminio lucidato e a vista è sempre di grande effetto. A proteggere il forcellone dal possibile contatto con gli stivali provvedono due protezioni adesive in materiale plastico.

BICILINDRICO CONSOLIDATO Il resto non cambia. Il motore è come quello della versione 2002, bicilindrico a carter secco, ancora con l'alimentazione ad iniezione elettronica con doppia accensione, con doppio albero antivibrazioni ancora con il sistema PPC (Pneumatic Power Clutch) che impedisce il saltellamento della ruota posteriore in staccata. Il cambio è stato ravvicinato, in pratica un cambio da gara che consente di sfruttare meglio le potenzialità del bicilindrico italiano.

VELOCI DA SUBITO Gestibile, facile, poco impegnativa da portare in pista. È sempre stato questo uno dei punti di forza della RSV: la facilità con cui ti mette in condizione di andare forte da subito. Con altre moto (anche bicilindriche) occorre sempre qualche turno d'apprendistato, con la RSV bastano un paio di giri e ti senti la moto in mano.

Tutto per un prezzo appena superiore alla precedente versione: 15700 €, che quindi riconferma la RSV-R come la superbike dal miglior rapporto qualità prezzo sul mercato.

<-GG->

  Gli articoli più letti della rubrica
MOTORI
 
MV AUGUSTA Brutale S (click 64730)
MV AUGUSTA F4 S EV oluzione (click 39650)
Kawasaki Z750 (click 36377)
SUZUKI GSF 400: my Susi (click 31032)
YAMAHA YZF R1 2002 (click 20698)
HONDA Hornet 2003 (click 19054)
Yamaha Fazer 2004 (click 18525)
KAWASAKI Z1000 (click 16664)
 
  Archivio Completo
ARTICOLI
Area Download - Tutti gli ALLEGATI  
Le Rubriche di Nottelive sono gestite da collaboratori esterni, assolutamente senza scopo di lucro. Se ritieni che in qualche articolo sia stato violato un tuo DIRITTO D'AUTORE segnalacelo e provvederemo immediatamente.

 

 

 



Aiuto
.: Partner :.
Service Consulting Agaji Somma Vesuviana Nonsolocaffè Torre Annunziata Charro Latino - Ercolano Trotula - Torre del Greco Drummond's Pub - Vico Equense
Area Privata
LogIn 

PassWord


testo non selezionabile o cliccabile ANTISPAM - 2001/2007