Forum

HONDA CBR 600 RR
Tutti gli ARTICOLI
Honda ha finalmente tolto i veli alla sua nuova 600, decidendo di farci buttar via tutte le vecchie moto, regalandoci così un’ altra meraviglia!!!
Una moto completamente nuova, con un nuovo motore, un nuovo telaio e un nuovo look che toglie il fiato.
Nuova nel vero senso della parola, perché la RR è una moto a sé: bella, affilata come un rasoio, rifinita come un bijoux e tanto, tanto aggressiva.

INNOVATIVA: Il risultato estetico è certo notevole, ma la CBR RR vuole stupire anche e soprattutto per le sue caratteristiche tecniche all'avanguardia, sfruttando molta della tecnologia che Honda ha sviluppato in pista.

TELAIO DA CORSA: Il telaio, ad esempio, completamente ridisegnato ha lo stesso identico andamento della GP ed è realizzato con una innovativa procedura di pressofusione che ha consentito di ridurre al minimo lo spessore delle pareti a tutto vantaggio della leggerezza. La stessa tecnica è stata utilizzata per realizzare il telaietto reggisella che così segue alla perfezione l'andamento del silenziatore che, come già detto, sbuca sotto il codino.

MOTORE, FISICO DA MODELLO: Nella rivisitazione della ciclistica rie ntrano anche le modifiche al motore (che sembra aver fatto una cura dimagrante), ridisegnato completamente anche nella collocazione degli organi interni per essere il più corto e stretto possibile. Il motore è stato rivisto al punto da poter essere considerato un'unità completamente nuova. Tutto è stato riprogettato per diminuire il più possibile le masse in movimento e aumentare il regime di rotazione. I pistoni sono stati alleggeriti per guadagnare 15 grammi ciascuno. Anche le bielle sono state alleggerite (meno 35 grammi), l'albero motore riequilibrato, il tendicatena modificato per guidare meglio la distribuzione, anche ai 15000 giri promessi da questo quattro cilindri.

BARICETRO CHE PASSIONE: Massima leggerezza e massima centralizzazione delle masse sono stati i punti fermi del progetto CBR 2003 che dichiara un peso forma di 169 kg. I tecnici Honda si sono dati un gran daffare per limare il più possibile il peso e per piazzare quello rimasto il più vicino possibile al baricentro e ottenere così una moto estremamente agile e reattiva.

SERBATOIO DA PRESTIGIATORE: Grande attenzione è stata posta nella sistemazione del serbatoio. Quello a vi sta sopra le travi del telaio è in realtà un coperchio. Sotto di esso, nella parte anteriore, c'è l'air box (alimentato da nuove prese dinamiche). Il vero serbatoio è più arretrato e solo parte di esso è "sopra" il telaio perché si allunga verso il basso fino alla parte superiore del motore. Il peso rilevante del pieno di benzina è quindi meno avvertibile nella guida perché è piazzato molto più vicino al baricentro. Grazie a tutti questi spostamenti il "serbatoio" si è accorciato di 7 cm avvicinando quindi il pilota allo sterzo.

DOPPIA INIEZIONE, DOPPIO BRIVIDO: L'evoluzione tocca anche l'impianto d'iniezione che ora sfrutta un sistema denominato PGM DSFI (Double Sequential Fuel Injection). Praticamente ci sono due iniettori per cilindro, uno piazzato nella solita posizione (a valle della valvola a farfalla) e uno direttamente nella cassa filtro che entra in azione solo sopra i 6000 giri.
Per garantire una gestione più accurata del sistema la centralina adotta un processore a 32 bit (prima 16 bit).Il risultato sono i 116,96 cavalli dichiarati a 13000 giri, che rappresentano un bel balzo in avanti rispetto alle CBR precedenti e issano la RR tra le 600 più potenti sul mercato. Non c'è il catalizzatore allo scarico (singolo e piazzato sotto il codino), in compenso c'è il sistema d'aria secondaria di seconda generazione che provvede a diminuire drasticamente le emissioni del quattro cilindri, che rientra nelle norme Euro 1.

CRUSCOTTO CHE PASSIONE: Per finire parliamo di dotazioni e come non citare il nuovo leggerissimo cruscotto? Il pannello elettronico degli strumenti che equipaggia la CBR 600 RR è uno fra i più sottili e leggeri mai montati su una moto da strada e comprende un contagiri analogico accoppiato ad un display a cristalli liquidi con funzioni di tachimetro contakm. Sulla sinistra è presente un secondo e più piccolo display (LCD) con indicatore del carburante e indicazione digitale della temperatura. Non manca l'immobilizer HISS ormai praticamente presente su tutta la gamma Honda.

Vi starete sicuramente chiedendo quanto costerà questa meraviglia!
Beh…nulla è stato ancora dichiarato ufficialmente dalla Casa ma secondo indiscrezioni il prezzo dovrebbe aggirarsi attorno i 10330 euro. Se così fosse (ma non ci spero), allora preparati Bella, presto sarai MIA!!! <-GG->

  Gli articoli più letti della rubrica
MOTORI
 
MV AUGUSTA Brutale S (click 64701)
MV AUGUSTA F4 S EV oluzione (click 39621)
Kawasaki Z750 (click 36233)
SUZUKI GSF 400: my Susi (click 31001)
YAMAHA YZF R1 2002 (click 20665)
HONDA Hornet 2003 (click 19025)
Yamaha Fazer 2004 (click 18498)
KAWASAKI Z1000 (click 16633)
 
  Archivio Completo
ARTICOLI
Area Download - Tutti gli ALLEGATI  
Le Rubriche di Nottelive sono gestite da collaboratori esterni, assolutamente senza scopo di lucro. Se ritieni che in qualche articolo sia stato violato un tuo DIRITTO D'AUTORE segnalacelo e provvederemo immediatamente.

 

 

 



Aiuto
.: Partner :.
Service Consulting Agaji Somma Vesuviana Nonsolocaffè Torre Annunziata Charro Latino - Ercolano Trotula - Torre del Greco Drummond's Pub - Vico Equense
Area Privata
LogIn 

PassWord


testo non selezionabile o cliccabile ANTISPAM - 2001/2007